von der leyen EPA/OLIVIER HOSLET

L’ultima parola, che riguarderà anche la Moldova, spetta ora al Consiglio Ue che si riunirà il prossimo 24 giugno

È con un tailleur giallo e blu che la presidente Ursula von der Leyen comunica il sì della Commissione allo status di candidato nell’Unione Europea dell’Ucraina.

«Oggi abbiamo adottato la raccomandazione al consiglio di dare all’Ucraina una prospettiva europea e lo status di candidato all’ingresso nell’Unione».

Anche se sarà necessario rispettare la procedura seguendone le regole, e dunque “rimane ancora un consistente lavoro da fare“, von der Leyen ha spiegato che “il processo si basa sui meriti e quindi dipende interamente dall’Ucraina“, la cui sorte dipende dalle sue stesse mani.

La presidente ha aggiunto che anche nel caso della Moldova la valutazione della Commissione va nella stessa direzione: «raccomandiamo che il Consiglio la annoveri tra i candidati».

Ora la palla passa dunque al Consiglio dell’Ue che il 24 giugno metterà ai voti la proposta.

Immediati sono giunti i ringraziamenti di Zelensky: «questo è il primo passo verso l’adesione all’Ue, che sicuramente ci avvicinerà alla vittoria. Ringrazio la presidente Ursula von der Leyen e ogni membro della Commissione per una decisione storica».

Il Cremlino ha commentato la notizia dello status di candidato all’Unione europea dell’Ucraina precisando che “questo, ovviamente, richiede la nostra maggiore attenzione, perché tutti conosciamo l’intensificazione delle discussioni in Europa sul tema del rafforzamento della difesa“.

di: Marianna MANCINI

FOTO: ANSA/EPA/OLIVIER HOSLET