Il dato emerge dal XXIV Rapporto del Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea

Dal XXIV Rapporto del Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea, presentato nella sede dell’Università di Bologna, è emerso che nell’ultimo anno accademico 2021/2022 il numero delle immatricolazioni è calato del -3% rispetto all’anno precedente. Il dato è maggiore nel Mezzogiorno, -5%. Numeri che, paragonati al 2003/2004, si registrano intorno al -5%.

Inoltre, dal rapporto è emerso che la retribuzione e l’occupazione per i laureati è in aumento anche se, dopo un anno dal conseguimento del titolo, il lavoro è determinato e riguarda circa il 40% degli occupati. Nel 2021 la retribuzione mensile netta è pari al +9,1% per i laureati di primo livello, pari a 1.340 euro, e +7,7% per quelli di secondo livello, pari a 1.407 euro. 

Nel 2021, il tasso di occupazione rispetto al 2019, registra un +2,9% per i laureati di secondo livello e solo del +0,4% per quelli di primo livello.

di: Federico ANTONOPULO

FOTO: PIXABAY