mattarella ANSA/ UFFICIO STAMPA QUIRINALE/ FRANCESCO AMMENDOLA

Il presidente della Repubblica ha ricordato che “la sfida dell’invecchiamento ci riguarda tutti” ed è “compito delle istituzioni approntare politiche a questo scopo”

«L’invecchiamento, l’anzianità, non costituiscono una condizione di emarginazione da recuperare» così il presidente della Repubblica in una missiva alla ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti.

Mattarella ha ricordato anche l’obiettivo fissato dalle Nazioni Unite per il decennio 2021-2030 per “un mondo in cui tutte le persone possano vivere a lungo in buona salute“.

«Affermare il valore della vita significa costruire una società per tutte le età, in cui i diritti di ciascuno trovino completa espressione. È compito delle istituzioni e delle libere espressioni sociali approntare politiche di welfare a questo scopo» rilancia Mattarella.

«La sfida dell’invecchiamento ci riguarda tutti. – ammonisce ancora – È parte del principio della pari dignità di ogni essere umano, anche quando si dovesse trovare nella condizione di perdere la propria autonomia».

Parimenti, si rendono quindi necessarie “strategie che permettano la massima partecipazione sociale di questa componente della popolazione, risorsa preziosa, custode delle nostre origini e delle nostre identità“.

Il capo di Stato partecipa oggi agli Stati Generali del volontariato della Protezione Civile.

di: Marianna MANCINI

FOTO: ANSA/ UFFICIO STAMPA QUIRINALE/ FRANCESCO AMMENDOLA