Il 15 luglio il tycoon e i figli Ivanka e Donald Jr. dovranno testimoniare davanti alla procuratrice generale di New York per l’indagine sui rendiconti della Trump Organization

Il 15 luglio Donald Trump dovrà testimoniare davanti alla procuratrice generale di New York Letitia James in merito all’inchiesta per frode fiscale. Testimonieranno anche i figli Ivanka e Donald Jr.

Il mese scorso il tycoon ha dovuto pagare una multa da 110 mila dollari per intralcio alla giustizia dopo aver tentato di ostacolare l’indagine.

La procuratrice generale ha affermato che gli investigatori hanno trovato “prove significative” di illeciti nell’indagine, avviare per chiarire se la Trump Organization abbia “gonfiato” i valori delle sue proprietà immobiliari per ottenere prestiti favorevoli e detrazioni fiscali.

Secondo James ci sarebbero prove del fatto che, per più di un decennio, i rendiconti del conglomerato privato si siano basati “su valutazioni patrimoniali fuorvianti e altre false dichiarazioni per assicurarsi benefici economici”.

Trump e i figli dovrebbero testimoniare a partire dal 15 luglio, ma hanno tempo fino al 13 giugno per chiedere alla più alta corte dello stato di New York, la Corte d’appello, di ritardare ulteriormente la testimonianza.

Secondo l’ex presidente degli Stati Uniti e prole, testimoniare nell’indagine civile violerebbe i loro diritti costituzionali perché le loro parole potrebbero essere usate in un’indagine penale correlata guidata dal procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg.

Trump ha ripetutamente negato qualsiasi illecito e ha definito l’indagine una “caccia alle streghe”.

di: Francesca LASI

FOTO: ANSA/EPA/ADAM DAVIS