La domanda interna al netto delle scorte contribuirà alla crescita generale, al contrario della domanda estera netta

Il Pil italiano dovrebbe continuare a salire sia nel 2022 con un incremento del 2,8% sia nel 2023 con una crescita prevista dell’1,9%. Sono queste le ultime stime riportate dal report pubblicato oggi dall’Istat riguardo le previsioni di crescita dell’economia italiana.

Secondo gli analisti, a determinare l’aumento sarà prevalentemente il contributo della domanda interna al netto delle scorte (rispettivamente +3,2 e +1,9 punti percentuali) mentre la domanda estera netta fornirebbe un apporto negativo nel 2022 (-0,4 punti percentuali) a cui seguirebbe un contributo nullo nel 2023.

Per quanto riguarda le scorte, fornirebbero un contributo nullo in entrambi gli anni.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: PIXABAY