Durissimi scontri fra comunità di ovest e sud scuotono il Sudan dopo il golpe

Un bilancio parziale, ma già drammatico, parla di almeno 27 vittime in seguito ai durissimi scontri che si stanno svolgendo in Sudan, tra le comunità dell’ovest e del sud del Paese.

I combattimenti sono iniziati per una disputa sulla terra nella regione del Darfur, provocando 16 morti. 11 vittime invece sono state provocate nella regione del Kordofan Meridionale dove una lite tra due persone è degenerata in uno scontro a fuoco ben più ampio. Scontri sono avvenuti anche nella zona occidentale del Darfur, a confine con il Ciad, qui sono stati rasi al suolo, distruggendoli, interi villaggi a causa di dispute tra agricoltori stanziali e arabi semi-nomadi.

Il Paese è in agitazione dal 25 ottobre, quando il generale dell’esercito, Abdel Fattah al-Burhan ha compiuto il suo colpo di stato. Nel frattempo anche l’ONU lancia l’allarme sulla situazione del Sudan.

di: Flavia DELL’ERTOLE

FOTO:ANSA/EPA/ELA YOKES