Nel colloquio telefonico con il cancelliere austriaco, il presidente russo ha accusato Kiev di ostacolare il processo negoziale con Mosca. Telefonata Blinken-Kuleba

Il presidente russo Vladimir Putin, durante una telefonata, con il cancelliere austriaco Karl Nehammer ha affermato che i tentativi di incolpare Mosca per le problematiche relative alle forniture alimentari sono “infondati”. Lo riporta l’agenzia russa Tass.

Il capo del Cremlino ha, poi, sottolineato che l’Ucraina deve sminare i porti il prima possibile per consentire il passaggio delle navi, accusando Kiev di ostacolare il processo negoziale con la Russia.

Il segretario di Stato Usa Antony Blinken ha avuto un colloquio telefonico con il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba. La telefonata si è concentrata sull’assistenza di Washington a Kiev nel fronteggiare l’invasione russa.

Stando a quanto riferito dal Dipartimento di Stato, Blinken e Kuleba hanno parlato di come “risolvere la crisi globale per la sicurezza alimentare”, sottolineando che il Cremlino “continua a usare il cibo come un’arma e a diffondere false accuse riguardo alle sanzioni Usa”. 

di: Francesca LASI

FOTO: ANSA/EPA/MIKHAIL METZEL / SPUTNIK / KREMLIN POOL