Il presidente ucraino Zelensky ringrazia l’Onu, oltre 300 civili salvati da Azovstal. Biden riunisce G7

Il presidente ucraino Zelensky auspica una visita a Kiev del presidente degli Stati Uniti Joe Biden: “penso sia molto importante”, ha dichiarato, spiegando che Biden è il presidente della civiltà democratica “più grande della nostra società” e dichiarando che gli ucraini vedono gli Usa come “partner strategico”. Per questo motivo sarebbe fondamentale che Biden vedesse di persona Bucha e Borodyanka.

Sorpresa a Kiev dove Bono e The Edge degli U2 hanno iniziato un concerto in metropolitana. Il premier canadese Justin Trudeau è in visita a Irpin, alle porte di Kiev. 

La first lady americana, Jill Biden, ha fatto un viaggio a sorpresa in Ucraina dove ha incontrato la consorte del presidente ucraino, Olena Zelenska. Le due first lady si sono viste vicino a una scuola di Uzhhorod, a pochi chilometri dal confine con la Slovacchia. “Sentiamo il vostro sostegno e la leadership del presidente Usa, il vostro amore e sostegno durante questo giorno così importante e simbolico per noi“, ha detto Olena Zelenska.

Dopo il nulla di fatto della riunione degli ambasciatori Ue di oggi, l’accordo sulle nuove sanzioni slitta alla prossima settimana. “I contatti a tutti i livelli proseguono all’inizio della settimana con l’obiettivo di raggiungere un accordo completo sul sesto pacchetto si sanzioni nel più breve tempo possibile“, riferisce un alto funzionario Ue.

«I Paesi stanno fornendo armi agli ucraini. Penso che potevamo farlo prima e più in fretta ma alla fine le abbiamo date. I Paesi hanno realtà differenti: se sei più o meno vicino alla Russia, se sei membro o no della Nato, se hai un partito filorusso all’opposizione, quanto sei dipendente dal gas russo. Quel che ho visto al Parlamento Ue con una quasi unanimità a favore delle sanzioni contro la Russia, della solidarietà agli ucraini è una risposta alle richieste dell’opinione pubblica che ci chiede di essere uniti – è stato l’intervento di oggi di Roberta Metsola, presidente del Parlamento Ue a Rai3. – L’Europa ha avuto un fronte sovranista che ha cercato di riscrivere le regole ma non ci sono riusciti, ora questo fronte sta provando a riorganizzarsi. Dobbiamo fare molto di più, dobbiamo cominciare a sentire ciò che la gente vuole, quella gente che oggi non vota perchè non ha fiducia nella politica».

Oggi pomeriggio si terrà un vertice straordinario voluto dal presidente Usa Joe Biden con la partecipazione dello stesso Zelensky. Ci saranno anche il cancelliere tedesco Scholz, presidente di turno del G7, il presidente francese Emanuel Macron, il premier inglese Boris Jhonson, il nostro presidente del Consiglio Mario Draghi e i primi ministri di Canada e Giappone Justin Trudeau e Fumio Kishida, oltre alla presidente della Commissione Ue Ursula von der Layen e al Segretario della Nato Jens Stolnteberg.

Zelensky ha ringraziato poi l’Onu e la Croce Rossa Internazionale per aver portato a termine la prima fase della missione di evacuazione dall’acciaieria di Azovstal a Mariupol, da dove sono stati salvati oltre 300 civili.

Il presidente russo Vladimir Putin, in un messaggio reso noto dal Cremlino, rivolto agli altri Paesi della Federazione russa in occasione del 9 Maggio ha dichiarato: «il dovere comune oggi è prevenire la rinascita del nazismo che ha portato tante sofferenze a persone di diversi Paesi, così come è necessario preservare e trasmettere ai posteri la verità sugli eventi degli anni della guerra, i valori spirituali comuni e le tradizioni di amicizia fraterna».

Dall’altro lato della barricata ribatte Zelensky: «durante i due anni di occupazione, i nazisti uccisero 10.000 civili. In due mesi di occupazione, la Russia ha ucciso 20.000 persone in Ucraina. È stata organizzata una sanguinosa ricostruzione del nazismo. Una ripetizione fanatica di questo regime: delle sue idee, azioni, parole e simboli. Una riproduzione dettagliata, maniacale, delle sue atrocità e un ‘alibi’ che presumibilmente dà uno scopo sacro malvagio. Una ripetizione dei suoi crimini e persino tentativi di superare il ‘maestro’ e toglierlo dal piedistallo del più grande male della storia umana. Questo segna un nuovo record mondiale di xenofobia, odio, razzismo e numero di vittime che possono causare».

Il Guardian ha riportato stamattina che il Regno Unito si è impegnato a fornire ulteriori 1,3 miliardi di sterline (circa 1,52 miliardi di euro) in aiuti militari e umanitari all’Ucraina. Così facendo, gli impegni di spesa di Londra a favore del Paese dilaniato dalla guerra verranno quasi raddoppiati. «Il brutale attacco di Putin non sta solo causando indicibili devastazioni in Ucraina, ma sta anche minacciando la pace e la sicurezza in tutta Europa», è stato il commento del premier britannico Boris Johnson. La Gran Bretagna continua a essere tra i più preziosi alleati degli Usa nella logica del rialzo continuo.

Dagli Stati Uniti il leader della Casa Bianca Joe Biden ha aumentato gli stanziamenti fino a chiedere al Congresso 33 miliardi di dollari (di cui 20 miliardi solo in armamenti) per sostenere lo sforzo degli ucraini.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA/EPA