Pensare al relax dei clienti a 360 gradi, con vasche e piscine in casa e in hotel. Crescendo anche e soprattutto nell’anno più duro

Il benessere ha molte sfumature. Benché oggi la parola “wellness” sia spesso associata al concetto di “fitness”, si tratta di uno stato di equilibrio psicofisico che è alla base dello stare bene degli esseri umani. Solo partendo da questo concetto si può capire il successo di Dimhora srl, un’azienda che ha fatto del benessere il proprio core-business offrendo prodotti dedicati al relax: dalle vasche idromassaggio alle piscine. Ce ne ha parlato l’amministratore unico Francesco Tringale.

– Quali qualità deve avere un buon imprenditore per esser definito tale?

«Il coraggio è fondamentale. Serve un sogno da seguire e determinazione per realizzare gli obiettivi che ci si pone. E forse sopra ogni altra cosa è necessario avere un buon istinto, una visione corretta del mercato e di ciò che ci si può aspettare dal futuro».

– Quando nasce Dimhora?

«Nel 2013 ero pronto a fare il salto e ho aperto l’azienda. Avevo studiato il settore del wellness e sapevo che c’era posto per noi sul mercato. Siamo partiti da una piccola realtà: siamo stati bravi, creativi e determinati. La crescita è stata costante, oggi abbiamo un fatturato di circa cinque milioni di euro e quest’anno dovremmo raggiungere i 6,3 milioni».

Quando nel 2020 si è trovato a fronteggiare le restrizioni del lockdown, Tringale ha fatto una scelta temeraria: ha investito nei suoi prodotti per milioni di euro, immaginando che sarebbe arrivato il giorno in cui le persone, private della libertà, avrebbero avuto la necessità di organizzare la propria casa nel modo migliore per poter godere all’interno di ciò che non era più raggiungibile fuori. Questo ha portato Dimhora a crescere del 40% nel 2020, una percentuale più alta rispetto a quelle registrate nel biennio precedente.

– Qual è il vostro target di riferimento?

«Lavoriamo sia con il B2B sia con il B2C. Al momento direi che in proporzione siamo 40 a 60. Però bisogna sottolineare un fattore importante: lavorare con i privati è possibile solo quando si è arrivati a un livello tale per cui si può garantire al cliente un customer care di alto profilo».

– Parliamo del vostro cavallo di battaglia, quel prodotto che vi distingue dai competitor sul mercato.

«Sicuramente le piscine nuoto contro corrente. Sono strutture alternative alle piscine classiche, che danno la possibilità di nuotare realmente a livello professionale: sono strutture amovibili, semplici da gestire. Vanno incontro alle necessità nuove dei clienti, sia dei privati sia delle strutture ricettive che vogliono offrire un servizio diverso, innovativo, a chi soggiorna presso di loro».

Negli ultimi 12 mesi le persone hanno riscoperto le proprie priorità e rivalutato le attività e i servizi che permettono di scaricare stress e tensioni. Il termine benessere è stato analizzato nei suoi più ampi significati ed è cresciuto il desiderio di investire in strutture come quelle offerte da Dimhora, che garantiscono relax. Ma in una vasca idromassaggio, in una piscina a nuoto contro corrente, in una sauna, c’è di più: per essere davvero sinonimo di wellness devono essere garazia di qualità, robustezza, eleganza, design. E Dimhora assicura tutto questo e anche di più, mettendo sempre al centro il benessere della persona.